Prima squadra: pareggio senza gol con la capolista Vobarno

Prima squadra, stagione 2014/2015

Vobarno – Gussago Calcio 0-0

Pareggio d’Eccellenza. Il Vobarno di Ivan Guerra vince il campionato di Promozione con una giornata di anticipo. Una festa che comincia due minuti dopo il triplice fischio: al Comunale valsabbino la partita tra i padroni di casa e il Gussago finisce 0-0. Perché i valsabbini siano aritmeticamente promossi a novanta minuti dal termine della regular season il Borgosatollo deve fermare la Dak, che insegue a quattro lunghezze. E alle 17.22 da Ostiglia arriva la notizia tanto attesa: anche in terra virgiliana il match è terminato con un risultato ad occhiali e il Vobarno non è più raggiungibile. Così esplode la gioia dei ragazzi di Ivan Guerra, che festeggiano per aver raggiunto l’obiettivo prefissato ad inizio stagione, ovvero la conquista dell’Eccellenza. Un traguardo sicuramente meritato per Savoia e compagni, che hanno dominato il campionato per buona parte della stagione, conquistando fin dalle prime giornate la vetta della classifica. I valsabbini raggiungono così la quinta serie del calcio italiano, riportando in alto il nome di Vobarno, che negli anni d’oro (tra il ’52 e il ’61 e nelle stagioni ’71/’72 e ’77/’78), quando si chiamava Falck, disputò i campionati di Serie D (in passato IV Serie). Ivan Guerra è tornato protagonista, firmando l’ennesimo capolavoro, centrando così la terza promozione alla guida dei biancazzurri in due differenti esperienze. Della gara di ieri non c’è davvero molto da dire. Il Vobarno, pure non disputando una delle sue migliori partite stagionali, ha imposto la legge del più forte mancando solo in fase realizzativa. I valsabbini hanno dominato il match, costringendo alla difensiva il Gussago fin dalle prime battute. I biancorossi hanno così rinunciato ad attaccare e sono rimasti in balìa degli avversari per tutti i novantacinque minuti di gioco. Il migliore in campo è stato sicuramente il portiere ospite Manini, autore di almeno cinque interventi salva-risultato, tre dei quali su bomber Gatta.

Mister Guerra schiera i suoi con una sorta di 4-3-1-2: Bettinsoli gioca dietro al giovane Ragnoli e a Gatta; Savoia invece si sistema in difesa, a sinistra. Dall’altra parte Guido Ronchi opta per il 4-5-1: davanti Milini fa reparto da solo. Nel primo tempo i padroni di casa costruiscono cinque occasioni: la più ghiotta al 31’ con Bettinsoli, che servito da Gatta, prova la conclusione di potenza, trovando la grande risposta di Manini. Nella ripresa, dopo trenta secondi Pezzottini di testa non riesce ad inquadrare la porta. All’ 11’ Bettinsoli al volo manda alle stelle da buona posizione. Al 35’ e al 41’ Gatta si ritrova a tu per tu con Manini, che però si dimostra insuperabile e salva il risultato. Dopo cinque minuti di recupero, ecco che arriva il triplice fischio: alcuni giocatori del Vobarno cadono a terra stremati e si disperano, convinti di aver perso l’occasione di chiudere il campionato. Ma centoventi secondi dopo arriva la buona notizia da Ostiglia: il Vobarno è campione.
Enrico Passerini

VOBARNO (4-3-1-2) Gargallo; Frizzi, Boglioni, Chizzolini, Savoia; Pezzottini (38’ st Festoni), Scioli, Pasini (17’ st Raggi); Bettinsoli; Gatta, Ragnoli (20’ st S. Bartoli). (Marchi, T. Bartoli, Chiaramonti, Diomande). All. Guerra.
GUSSAGO CALCIO (4-5-1) Manini; Bolognini, Cameletti, Freddi, Marelli; Stagnoli, Ungaro, Zamboni (25’ st Lai), Moreschi, Lumini (29’ st Gualina); Milini (32’ st Vermi). (Urbani, Bulgari, Pasinetti, Marchina). All. Ronchi.
Arbitro Rota di Bergamo.

Note: giornata soleggiata, terreno in buone condizioni di gioco. Spettatori 400 circa. Ammoniti Boglioni, Scioli, Raggi e Festoni per il Vobarno, Zamboni e Ungaro per il Gussago. Espulso Scioli (V) al 47’ st per doppia ammonizione. Angoli 6-3 per il Vobarno. Recupero 0’; 5’.

Fonte: Giornale di Brescia

You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed.